giovedì 22 aprile 2010

Nucleare, un crimine di stato

Oggi ho creato un nuovo elenco di link sulla colonna di destra, si tratta di una lista destinata a crescere.

Ho inserito i collegamenti a documentazione relativa alla nascita del nucleare, all'esperienza negli altri paesi, allo smaltimento delle scorie.

Lo scenario prospettato è a dir poco apocalittico.

Immancabilmente, il tutto in nome degli interessi economici.

Il primo link riguarda una puntata di Report del 2009, dura circa un'ora, ma ne consiglio a tutti la visione.

Ogni commento da parte mia sarebbe riduttivo rispetto all'ampiezza della problematica trattata.

lunedì 19 aprile 2010

Riporto anche qui un commento che riguarda il mio libro e che ho postato su Anobii:

"Ho notato che alcuni punti del racconto sono stati travisati o poco compresi, per cui spero di non annoiarvi se inserisco qualche chiarimento. ^_^

Capisco che qualcosa sia potuto sfuggire a chi non è stato appassionato dalla storia. :)

Innanzitutto, non mi sembra di avere mai scritto che le donne nn debbanno lavorare, ma solo che la nostra società costringe le donne a farlo.
Pensavo quindi alla tutela dei diritti della donna e della famiglia. ;)

Chi, donna o uomo, vuole prendersi cura della propria famiglia, ha la stessa dignità di chi vuole lavorare fuori e ritengo che debba essere tutelato e assistito dallo Stato perché svolge un servizio, dato che la famiglia è la prima cellula della società e se è sana, tutta la società è sana.

Inoltre, quando la donna è costretta ad abortire perché non può mettere al mondo un figlio perché non riuscirebbe ad allevarlo con le sue risorse economiche, il suo diritto, la sua dignità di donna, non son tutelati.

Per tornare al racconto, la protagonista, Francesca, non si innamora del pittore.
La sua è solo un'infatuazione, semplice attrazione fisica (in quel punto del racconto c'è una specie di monologo interiore "ma quello non era amore?" era quello che lei pensava, ma si accorge subito che non è così perchè i due erano talmente diversi da potere provare solo altri tipi di sentimenti).

Il personaggio di Samuel è invece volutamente marginale e poco sviluppato per una mia decisione.
Capisco che i lettori avrebbero preferito un'esposizione differente. :)

Per quello che riguarda l'ambiente di cui si parla nel racconto, è difficile forse fare comprendere e descrivere a chi cresce in contesti tanto differenti, una società che sta cambiando e dove eccessi di modernità e tradizione convivono e si scontrano.

In ogni caso, nell'ambiente in cui Francesca è cresciuta (un piccolo paese, pochi abitanti) è naturale affezionarsi, provare o pensare di provare sentimenti forti o esagerati soprattutto quando si vive fianco a fianco per qualche mese con una persona "diversa", portatrice di un'altra mentalità, di altri valori, lo si ammira e certe cose possono succedere spontaneamente, come possono accadere a chiunque, in un momento di debolezza.
Può succedere soprattutto a chi si sente costretto all'interno di un certo contesto culturale.

In ogni caso io continuo a sostenere che la realtà ci propone situazioni e individui che superano ampiamente la nostra immaginazione.

Il diritto del padre è uno dei punti opinabili del racconto, ma io ritengo che la donna non sia l'unica artefice della vita e che troppo spesso il diritto dell'uomo venga calpestato.
Ce lo dimostrano diversi fatti di cronaca e storie vere raccontate in altri libri e siti.

Personalmente mi sento discriminata quando si parla di "diritti delle donne" e preferirei che si parlasse di diritti umani.

Ma qui si potrebbe discutere ampiamente, dipende tutto dalla nostra concezione del diritto e dalla visione che abbiamo.

Sappiamo che ognuno di noi ha una visione parziale della realtà e fortemente condizionata dalle proprie esperienze e dalle situazioni vissute.

Spero di avere chiarito meglio il mio pensiero. :)"

venerdì 9 aprile 2010

La fisica quantistica spiegherà ciò che oggi chiamiamo "paranormale"

Copio e incollo questo interessante articolo:

Cos’è la Fisica Quantistica?


Il Luogo Sacro

“Esiste un Luogo dentro di Me/Te dove non c’è tempo,

dove non c’è spazio,

dove tutto è sempre Adesso

dove tutto è sempre Qui

dove IO Esisto

dove IO Vivo

dove IO Creo

dove…IO SONO.

Dove Posso Essere Presente se non in questo Luogo?”

F. Colasante




Le basi essenziali di questa scienza e come può essere compresa ed applicata unitamente alla Scienza IO SONO.

Per Quanto (dal latino Quantum) si intende la quantità più piccola di energia o materia con cui si entra in relazione con leggi opposte alla Fisica classica.

La Fisica classica sostiene che tutta la materia è energia. Questa tesi è avvalorata dalla famosa formula di Einstein: E=mc2 e cioè che l’energia è uguale alla massa (materia) moltiplicata per la velocità della luce (300.000 km al secondo). La Fisica Quantistica che è un’estensione più avanzata della Fisica classica, sostiene, avendolo dimostrato, che tutta l’energia è Coscienza (Intelligenza). Quindi al di là dell’aspetto fenomenico della Luce esiste un universo, speculare a quello fisico classico, un “Campo Cosciente Direttore” con leggi completamente opposte e governatrici su quelle fisiche le cui possibilità di estendere la creazione in modo coerente ed ordinato sono…illimitate. Quindi non a caso tale Campo Cosciente viene definito dai fisici quantistici il “Campo delle possibilità o probabilità”.

Insomma tutto ciò che prima si riteneva impossibile poiché “governato da leggi deterministiche” oggi viene messo in discussione e ritenuto possibile. Cosa significa questo per l’uomo moderno? Possibilità illimitate di scoprire (o riscoprire?) e applicare nuovi modelli di realtà, un nuovo modo di pensare e agire non più in forma separata e quindi da spettatore passivo (esterno) delle “leggi fisiche”, ma come Osservatore Consapevole (interno) perfettamente integrato al centro dell’Universo Cosciente dove Opera la Legge Unitaria di attrazione (l’Amore), la Forza Cosciente che Unisce e che egli (l’uomo) può finalmente attivare e dirigere coscientemente a proprio vantaggio e rendere la propria vita luminosa e prosperosa in ogni campo dell’esistenza.

Il Cuore della Fisica Quantistica



Di cosa è costituita principalmente la materia? Di atomi. Quindi l’atomo, col suo nucleo e gli elettroni che gli orbitano intorno, è la base o il cuore della materia fisica (noi compresi). I fisici quantistici hanno scoperto che all’interno del nucleo dell’atomo, esiste appunto un universo ancora misconosciuto a cui hanno dato il nome di Spazio Quantico o Mondo Quantico. Una delle scoperte più affascinanti è stata che in tale Spazio opera la Legge di non località. Cosa significa? Che due particelle di energia pur essendo distanti a migliaia di km tra loro comunicano, nello stesso momento, in perfetta coscienza. Ma la scoperta ancor più affascinante è stata che le due particelle erano in realtà…la stessa particella (una) simultaneamente presente in luoghi differenti! Cosa significa ciò e quali risvolti può avere nelle nostre vite se afferriamo nel profondo tale comprensione? Significa che siamo fondamentalmente UNO, uniti nell’Unico Campo Cosciente e che le “distanze locali” sono solo un’illusione in quanto la materia non è altro che Pura Coscienza-Energia (Intelligenza) condensata in forme differenti (locali).

I fisici quantistici hanno inoltre scoperto che la materia è “vuota”, lo stesso nucleo dell’atomo nel suo centro infinitesimale contiene un piccolissimo “punto di materia” che materia non è ma un Bip (informazione-pensiero condensata). Pertanto per poter comprendere ed afferrare compiutamente tale realtà dobbiamo imparare ad affinare ciò che omeopaticamente parlando è affine al Bip, il Pensiero, poiché tutta la materia è fondamentalmente costituita di Pensiero Cosciente. Insomma la Fisica Quantistica ci invita ad essere prima non locali, affinando il Pensiero nel centro cosciente della materia fisica (Cuore) per poter modificare “la materia locale” (mente) e creare la realtà che desideriamo.

Cosa può insegnarmi la Fisica Quantistica comparata alla Scienza IO SONO?

Siamo arrivati al Pensiero. E’ logico comprendere che se tutta la materia è governata da Un Pensiero tale Pensiero dovrà Essere Sempre Presente nel campo non locale dove per non località significa anche senza tempo, ovvero…eterno. Se il Pensiero dovesse smettere di essere anche solo per qualche secondo tutta la “materia crollerebbe”. Lo spazio-tempo è ciò che caratterizza il mondo fenomenico al di qua della luce e se togliamo lo spazio (luogo) scompare anche il tempo. Quando sentiamo che il mondo ci sta “crollando addosso” è perché per un tempo più o meno lungo non abbiamo pensato bene, in maniera coerente con il Principio della materia. E’ come se avessimo deciso, inconsciamente, di creare “un altro universo” a nostra “immagine e somiglianza”, con nostre leggi, spostandoci dalla Presenza del Pensiero Cosciente senza tempo all’assenza del pensiero incosciente del tempo. Il tempo ha perso cosi’ la sua sacra funzione di esprimere il Pensiero Cosciente del senza tempo. Insomma, in realtà abbiamo perso tempo…prezioso!

La Fisica Quantistica, unitamente alla Scienza IO SONO, possono insegnarmi ad essere Un Essere Libero di… Creare Coscientemente poiché si esprimono con lo stesso Verbo: IO SONO (Io ci Sono come Pensiero Cosciente Sempre Presente) la Luce (di tutta la materia locale e non); eh si, poiché esistono livelli e livelli di materia, dai più “fisici” ai più sottili che i fisici quantistici stanno cercando di misurare. Sembrerebbe quindi che tutta la creazione sia fatta di Materia Vivente.

Fonte:

http://astronavepegasus.forumattivo.com/scienza-e-conoscenza-tutor-comandante-kanta-f32/cose-la-fisica-quantistica-t2885.htm

Aggiungo solo che secondo altre fonti, sembra che la Coscienza dell'uomo al momento della morte diventi energia oscura (niente si distrugge, tutto si trasforma).

giovedì 8 aprile 2010

I più fortunati nascono in Norvegia

Sembra che i paesi dove si vive meglio siano quelli dove si rispetta di più la legge.

I norvegesi non solo nutrono un elevato rispetto per le loro leggi, ma considerano i bambini una risorsa da proteggere e su cui investire.

Sembra che questi siano i maggiori punti di forza di questo paese e la Norvegia riesce così ad essere il paese dove si vive meglio al mondo.

Il paese dove si vive peggio invece, è la Nigeria.

sabato 3 aprile 2010

Aborto: un diritto o un grande business?

Circa quindici anni fa, c'erano diversi medici che utilizzavano cure alternative per curare il cancro.

Ricordo in particolare uno di loro che lavorava presso l'università di Messina e che, avendo osservato che il cancro è praticamente assente nei soggetti allergici, curava i suoi pazienti con l'istamina.

Sosteneva che la sua cura fosse efficace, ma che non c'era interesse a studiarla perchè la chemioterapia è molto costosa mentre il prezzo dell'istamina è insignificante.

In seguito arrivarono alcuni ricercatori dall'estero per valutare l'efficacia della cura di questo medico, ma trovarono che non aveva alcun fondamento scientifico.

Non ho gli strumenti, né la competenza per valutare quanto le parti sostenevano, e non voglio invitare nessuno ad affidarsi a incerte cure alternative dietro le quali spesso si nascondono dei truffatori.

E' innegabile però che dietro l'uso dei medicinali ci sia un grande business.

Ad esempio, so che in Italia continuano a essere di uso comune farmaci, come l'Aulin, che in Spagna e in Finlandia, ad esempio, sono stati proibiti e che alcune normative europee hanno indicato come prescrivibili solo in caso di effettiva necessità e dopo che gli altri farmaci si sono rivelati inefficaci.


Non è chiaro perché prodotti proibiti altrove perché a lungo andare provocano danni al fegato, siano ancora così utilizzati in Italia.

Ma anche all'estero gli interessi si celano bene.

Ricordo anche che quando mi trovavo a Bruxelles, ad ogni angolo veniva pubblicizzata la pillola abortiva utilizzando lo slogan: "L'aborto è un diritto".

Da quando ho parlato di pillola abortiva su questo blog poi, "l'importanza" dei visitatori - per così dire e senza volere assolutamente sminuire gli altri - è improvvisamente aumentata.

Dato che purtroppo c'è gente che non si fa scrupolo di arricchirsi ai danni di altri, e in America e non solo, ci sono molte cliniche specializzate proprio nell'interruzione di gravidanza, mi chiedo se l'aborto sia più un diritto o un grande business e quali interessi si celino dietro le informazioni che vengono diffuse o nascoste alla gente.

venerdì 2 aprile 2010

Il potere della traduzione

Senza alcun commento da parte mia, riporto quanto pubblicato da Famiglia Cristiana n.13/2010.
Basta cliccare due volte sull'immagine per renderla leggibile: